Condividi

giovedì 21 gennaio 2016

Lavori Pubblici Partecipati 2016: a breve il bando


Comunicato stampa Comune di Lucca

Prosegue l’impegno nella partecipazione da parte dell’amministrazione comunale. Dopo i Lavori Pubblici Partecipati, edizione 2014 e 2015, l’assessore Antonio Sichi dà vita ad un nuovo progetto per raccogliere fattivamente il contributo dei cittadini. “Si tratta – commenta l’assessore alla partecipazione – di un’evoluzione del progetto Lavori Pubblici Partecipati che permetterà alla cittadinanza di decidere come investire una somma in progetti che non riguardano più solo opere ma anche servizi territoriali, mobilità, scuole e ambiente. La nuova iniziativa si muove nella direzione del Bilancio Partecipativo che è lo strumento più concreto ed efficace per il coinvolgimento attivo della cittadinanza nella governance locale”.

Il nuovo progetto si chiama “L.P. Partecipati 2016: verso il Bilancio Partecipativo” e si svilupperà all’interno di cinque fasi successive. Cinque saranno anche le zone in cui sarà suddiviso il territorio per arrivare capillarmente a intercettare le richieste di ogni area. La popolazione sarà dunque coinvolta in 5 distinti percorsi, coincidenti con i territori degli Organi Territoriali di Partecipazione: Centro Storico, area Nord, area Sud, area Est e area Ovest. 

I cittadini saranno quindi invitati ad autocandidarsi per partecipare alla selezione e quindi poter avere la possibilità di entrare a far parte di un percorso che molto potrà apportare al territorio di appartenenza. La somma complessiva a disposizione per il progetto è di 500 mila euro. Dopo un’assemblea plenaria di presentazione dei progetti inizieranno i laboratori veri e propri. Durante i tavoli territoriali i cittadini e le cittadine, con il supporto di facilitatori professionali e del personale tecnico e amministrativo dell’ente, analizzeranno i bisogni del loro territorio, individueranno una tematica, elaboreranno una lista delle priorità e infine decideranno la priorità su cui focalizzare attenzione e risorse. Le priorità emerse durante i cinque percorsi saranno oggetto di discussione da parte della Giunta Comunale durante una seduta allargata ai portavoce delle diverse zone. Nella fase successiva la giunta municipale, anche alla luce delle risorse disponibili, approverà il Documento Unico di Programmazione dell’ente, contenente le proposte emerse dal processo partecipativo. Successivamente sarà il Consiglio Comunale ad essere la sede della discussione del Bilancio di Previsione, e quindi alle proposte emerse dal processo partecipativo. Il percorso terminerà con un’assemblea conclusiva in cui gli esiti del percorso saranno illustrati a tutti i cittadini presenti. 

“Tra le novità di rilievo di questa nuova iniziativa volta alla partecipazione – aggiunge l’assessore Sichi – vi è il fatto che il progetto si apre a nuove tematiche proprie del Bilancio Partecipativo. Vi è inoltre la possibilità, per ogni tavolo di discussione, di uscire dai confini territoriali fin qui sperimentati, dando l’opportunità di scegliere le priorità all’interno dell’intero territorio comunale. Per tutti i cittadini inoltre è possibile dare il proprio contributo tramite il sito comunale durante tutto il percorso. Alcuni temi su cui i cittadini potranno intervenire grazie al progetto “L.P Partecipati 2016: verso il Bilancio Partecipativo” – aggiunge l’assessore – sono ad esempio la difesa del suolo, la gestione dei rifiuti, la manutenzione di aree a verde; ma non solo: ad esempio potranno essere indicati tra le priorità arredi e attrezzature necessarie ai plessi scolastici oppure la necessità della presenza sul territorio di aule tematiche o nuovi spazi di aggregazione. I cittadini partecipanti inoltre potranno anche decidere di concentrare la propria attenzione sui servizi territoriali come la sicurezza di quartiere o sportelli al pubblico decentrati. Anche la mobilità potrà essere un settore di discussione, dalle piste ciclabili al trasporto pubblico fino alla mobilità pedonale. Ovviamente resta attiva la possibilità di scegliere come priorità opere pubbliche come parcheggi, pubblica illuminazione, spazi sportivi e aggregativi, parchi giochi, abbattimento di barriere architettoniche”. 

Tra febbraio e marzo partirà la fase dedicata alle auto-candidature dei cittadini e ad aprile inizieranno le fasi operative del percorso. Il progetto potrà dirsi concluso con l’approvazione del Bilancio di Previsione dell’ente per l’anno 2017. 

Al momento, dei 10 progetti approvati dai Lavori Pubblici Partecipati durante le edizioni del 2014 e 2015, 9 saranno messi a cantiere durante il 2016. Tra questi vi sono la realizzazione del Muro di Villa Bottini, lavori presso la scuola di S.Maria a Colle e alla palestra della “L. Da Vinci”, la pista ciclabile e la riqualificazione di via Matteo Civitali. L’inizio dei lavori per l’anno in corso è previsto anche per il recupero dell’ex Genio Civile, per la realizzazione di un parcheggio a Ponte a Moriano nei pressi della stazione ferroviaria e uno dedicato alla scuola di S.Pietro a Vico, la costruzione di marciapiedi sulla ss. Del Brennero in località S.Lorenzo a Vaccoli e il prolungamento della pista ciclabile e di marciapiedi sulla via Sarzanese. L’unico intervento che dovrà attendere qualche tempo in più, poiché è necessario prima procedere ad una variante urbanistica, è quello per la realizzazione del parcheggio alla scuola in località Vallebuia. 
Posta un commento