Condividi

giovedì 1 ottobre 2015

Reddito di cittadinanza: anche l'Europa ce lo chiede!!!!

E' di recentissima approvazione al Parlamento Europeo la "Relazione per le politiche degli stati membri a sostegno dell'occupazione". Con questo documento, redatto annualmente, l'Unione Europea indica le linee guida per uscire dalla crisi occupazionale da cui l'Europa è afflitta oramai da diversi anni.
Questa relazione mi ha colpito per il capitolo riguardante le misure straordinarie contro la povertà; infatti ilParlamento Europeo in questo capitoloinvita gli stati membri che ancora non si sono adeguati (ovvero Italia e Grecia) ad introdurre al più presto il REDDITO DI CITTADINANZA
Questo strumento viene considerato come efficace nel dare sostegno a quella parte di cittadini che vive in condizione di povertà a causa della mancanza di lavoro o in presenza di un reddito non sufficiente a provvedere alla sopravvivenza.
E' bene ricordare come la Costituzione Italiana, a differenza di altre situazioni, sia coerente con questa richiesta europea e infatti trai principi fondamentali recita:
-"L'Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro"... art. 1
-"La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto."... art. 4
In questo momento, nell'Unione Europea, il 25% circa dei cittadini vive al di sotto della soglia di povertà main 26 stati su 28 è presente il reddito di cittadinanza oltre ad altre misure straordinarie per sostenere l'occupazione.
Nel nostro paese invece ci si è limitati alla tutela dei lavoratori dipendenti che perdevano il posto di lavoro attraverso la cassa integrazione e al sostegno (?) dell'occupazione attraverso il "Jobs act".
Ricapitolando quindi solo Italia e Grecia non hanno ancora attivato alcun intervento a sostegno degli indigenti in ottemperanza a quanto indicato dal Parlamento Europeo sebbene siano trai paesi che più di tutti hanno recepito i diktat dell'Unione Europea in fatto di austerity!!!
Sembrerebbe quasi che chi ha chiesto al nostro paese e alla Grecia l'austerity ritenga il reddito di cittadinanza una sorta di "impiccio" non utile a BCE, Trojka e FMI... 
La mancata ricezione e applicazione di quanto indicato dal parlamento europeo ha come conseguenza anche quella di creare una condizione di profonda disparità di diritti nei confronti degli altri cittadini europei.
"I have a dream" ovvero che questa disparità venga annullata ma temo che possa rimanere solo un sogno ancora a lungo... 
Simone Togneri
Posta un commento