Condividi

giovedì 1 ottobre 2015

RISARCIMENTO DANNI PER "ANSIA DA LAVAVETRO" ECCO LA SENTENZA CHE ASSEGNA LA TAR LA GIURISDIZIONE!!! ORA TOCCA AI PARCHEGGIATORI ABUSIVI?


E' ARRIVATA!!!!!!!!!
la corte di cassazione con la sentenza 13568/2015 ha introdotto un nuovo tipo di danno esistenziale ovvero quello generato dall'ANSIA DA LAVAVETRI.
L'ansia e il disagio che possono derivare agli automobilisti dalla presenza dei lavavetri ai semafori crea una situazione in cui viene leso il diritto del cittadino a vedere le amministrazioni localiADOTTARE PROVVEDIMENTI CONDIGIBILI  E URGENTI CHE TUTELINO L'INCOLUTA' PUBBLICA E LA SICUREZZA URBANA.
La sentenza fa ricadere quindi sui comuni la responsabilità di OSTACOLARLI MEDIANTE L'ADOZIONE DI APPOSITE MISURE. Il danno cagionato all'automobilista non deriverebbe quindi dall'omessa custodia della strada ma dal MANCATO ESERCIZIO DA PARTE DEL COMUNE DI POTERI AUTORITATIVI.
A pagare sarebbero dunque i comuni non i lavavetri... dettaglio questo non da poco visto che i lavavetri, avendo ben poco da perdere, non credo vengano scalfiti da condanne a pagare risarcimenti piccoli o grandi che siano mentre per i comuni la storia è ben diversa... allora ricordiamoci SENTENZA DELLA CASSAZIONE 13568/2015 la quale conferma la fondatezza della questione sollevata da un automobilista di udine davanti al giudice di pace in base all'articolo 2051 del codice civile.
Leggendo questa sentenza e l'articolo che ne parlava ho da subito pensato a quanto semplice ed immediata sia latrasposizione di questa sentenza rispetto al problema dell'accattonaggio molesto: altro che inutili raccolte firme!!! questa potrebbe essere la via maestra!!!
I parcheggiatori abusivi se non adeguatamente ostacolati possono sicuramente cagionare identico danno rispetto a quello riconosciuto in questa sentenza così come i "vù cumprà" che disturbano gli avventori nei bar o nei ristoranti soprattutto quando questi hanno spazi all'aperto.
Cosa fare quindi? facciamo un grande passaparola e consentiamo a questa innovativa sentenza di essere conosciuta perchè il solo fatto che venga posta all'attenzione dei sindaci può far trovare mezzi e coraggio per affrontare il problema!!!
Da lucchese il mio invito va al sindaco Tambellini e alla sua giunta da sempre poco sensibili alla tutela della popolazione indigena ma invito ognuno di voi a fare la stessa cosa nel proprio comune affinchè sappiano gli amministratori che siamo pronti a chiedere loro i danni del loro lassismo!!!!



Simone Togneri



Posta un commento