Condividi

lunedì 16 novembre 2015

Grande successo ieri, a Firenze, per la conferenza di Sovranità Toscana con Di Stefano e Rapisarda.


"Successo di pubblico ben oltre le aspettative per la conferenza di Sovranità Toscana di ieri pomeriggio, tenutasi all'Hotel San Gallo Palace di Firenze, e che ha visto come principali protagonisti Simone Di Stefano, Presidente nazionale di Sovranità nonché Vice Presidente nazionale di CasaPound Italia, e il giornalista-scrittore Antonio Rapisarda.
Introdotti da Saverio Di Giulio, coordinatore provinciale fiorentino di Sovranità Firenze, e da Fabio Barsanti, coordinatore regionale di Sovranità, i due ospiti hanno intrattenuto le oltre 120 persone che hanno affollato ben oltre il limite la sala a disposizione trattando tutti i temi più scottanti dell'attualità ma concentrandosi principalmente sulla creazione di un fronte sovranista ,mediante alleanze con alcuni partiti già esistenti ed operanti.
La conferenza è solo l'inizio di un vasto insieme di attività e progetti di Sovranità già pronti relativi all'intera Toscana."

Ufficio stampa Sovranità Toscana

La nostra intenzione era quella di gettare le basi per un 'fronte sovranista', e così è stato.
La giornata di ieri a Firenze segna un punto inequivocabile:


Sovranità è la sola forza politica, alternativa e identitaria, che può guidare gli italiani verso una necessaria riscossa, puntando sulle idee che Matteo Salvini dovrà difendere senza tentennamenti.


In una sala gremita e molto partecipata, un giornalista di indiscusso livello come Antonio Rapisarda ha dato la possibilità al nostro presidente nazionale Simone Di Stefano di affrontare le tematiche centrali del programma politico: immigrazione, critica radicale all'UE, sovranità in politica estera, lavoro, difesa dell'industria e delle eccellenze italiane, esaltazione delle 'normalità', prima gli italiani.



In una regione che, come ha ricordato il sottoscritto nell'introduzione della conferenza, sta conoscendo da vicino i danni del 'modello toscano' di accoglienza dei clandestini, la chiusura o la svendita di importanti aziende come TRW, Ansaldo Breda e acciaierie Lucchini, la distruzione della sanità voluta da Enrico Rossi, la presenza di Sovranità sarà un elemento fondamentale all'interno dello scenario politico regionale e locale.


Avanti così, dunque, per costruire una reale alternativa sovranista in ogni città.
Il futuro è nostro.

Fabio Barsanti
Sovranità
Coordinamento provinciale di Lucca

Via Michele Rosi 76

Posta un commento