Condividi

martedì 10 novembre 2015

Lucca: Mura urbane, fermate accessibili e pulizia dell’ultimo tratto del paramento della cerchia muraria



Le Mura urbane sono state al centro di due diversi provvedimenti assunti oggi (10 novembre) dalla giunta Tambellini.
Si tratta nella fattispecie di una variante al progetto dei lavori realizzati in sinergia con la Fondazione Crl per la riqualificazione della pista ciclabile lungo gli spalti nel tratto compreso fra Porta Elisa e piazzale Ricasoli e dell’approvazione di un Protocollo d’intesa fra il Comune e la Soprintendenza per la pulizia del paramento, nel tratto fra Porta Santa Maria e il baluardo San Paolino.

“Si tratta di due interventi qualificanti – spiega l’assessore ai lavori pubblici Francesca Pierotti – con i quali l’amministrazione comunale prosegue nell’opera di cura e conservazione di quello che è il bene pubblico simbolo stesso della città. Con il Protocollo d’intesa che andremo a siglare con la Soprintendenza, 800.000 euro messi a disposizione dal Ministero per i beni e le attività culturali serviranno a terminare l’opera di pulizia del monumento. Invece con questa prima variante al progetto della pista ciclabile introduciamo alcune piccole migliorie all’opera realizzata insieme alla Fondazione Crl, in attesa di approvare una seconda delibera  che ci consentirà di realizzare qui tre fermate del Tpl completamente accessibili ”.

La prima delibera introduce alcune modifiche all’intervento della pista ciclabile che si snoda per oltre un chilometro lungo l’anello esterno della cerchia muraria e si ricollega al tratto di recente realizzazione compreso fra piazzale Ricasoli e Porta San Pietro, a sua volta collegato a Porta San Donato. In sostanza, dunque, oltre la metà dell’anello di circonvallazione del centro storico è diventata percorribile in maniera sicura e agevole in bicicletta. 

“Ci teniamo particolarmente ad introdurre lungo il nuovo tratto di pista ciclabile alcune fermate totalmente accessibili – aggiunge a questo proposito l’assessore Pierotti - , proprio perché riteniamo essenziale, laddove realizziamo interventi di restauro o opere nuove, rispondere alle esigenze di massima accessibilità che riguardano non solo le persone con disabilità, ma tutti i cittadini: penso ad esempio ai genitori che si muovono con passeggini. Grazie alla sensibilità della Fondazione Crl e della Soprintendenza stiamo raggiungendo anche questo significativo obiettivo”.

Per quanto riguarda la seconda delibera, quella relativa all’approvazione del Protocollo d’intesa con la Soprintendenza, si tratta di interventi che, per 800.000 euro messi a disposizione dal Ministero per i beni e le attività culturali, serviranno alla pulizia dell’ultimo tratto del paramento delle Mura cittadine, quello compreso fra Porta Santa Maria e il baluardo di San Paolino. La Soprintendenza, che gestisce i lavori, li ha suddivisi in tre lotti simultanei. Al termine di questi interventi, che vengono dopo quelli realizzati grazie all’altro Protocollo d’Intesa, quello con la Fondazione Crl,  tutto il paramento delle Mura urbane sarà completamente ripulito e sistemato. 




Posta un commento