Condividi

venerdì 13 novembre 2015

Photolux Festival: polemiche per l'opera "blasfema" già criticata ad Ajaccio... complicità regionale o limiti burocratici?


In questi ultimi due giorni è emersa la notizia di un'opera artistica "blasfema o giu di lì" che si compone di un crocifisso immerso in parte in un recipiente contenente urina.
Lo scandalo emerso sta nel fatto che questa manifestazione è patrocinata dal Regione Toscana: le polemiche si stanno sprecando.
Io cerco di andare oltre dicendo che questa situazione è il sintomo di quello che è lo scarso controllo, verifica e comunicazione che evidentemente sta alla base del riconoscimento della forma di patrocinio da parte di enti pubblici.
Non mi stupirebbe scoprire che chi ha richiesto il patrocinio non sapeva esattamente cosa sarebbe stato esposto o se lo sapeva lo ha taciuto pur sapendo che non sarebbe stato idoneo associare quell'opera ad un'ente pubblico.
Oltre a ciò non rimarrei stupito se per ottenere il patrocinio non fossero richieste verifiche atte ad evitare casi come questi... insomma una burocrazia che spesso diventa quasi incomprensibile ma che non riesce ad applicare il buon senso... una burocrazia in cui, probabilemente, "la mano destra non sa cosa fa la sinistra".
Bisogna polemizzare contro una Regione ritenuta connivente con quest'arte blasfema? bisogna polemizzare dicendo che se la stessa cosa fosse stata fatta con un'immagine sacra ad altra religione ci avrebbero massacrati e ci avrebbero promesso la morte o attentati? possiamo anche farlo ma la realtà probabilmente è molto più semplice ovvero che chi sapeva ha taciuto colpevolmente e chi avrebbe dovuto verificare certe congruità non lo ha fatto.
Io non sono un esperto d'arte ma credo che un'opera che immerge un'immagine sacra nell'urina sia perlomeno molto provocatoria e che sarebbe meglio evitare di esporla in occasione del Photolux Festival di Lucca anche perché la stessa opera (datata 1987 se non ricordo male) ha suscitato polemiche feroci anche nel 2014 quando è stata esposta ad Ajaccio.
Basterebbe il buon senso e la buona fede per evitare certe situazioni poco rispettose della sensibilità spirituale di chi crede, qualunque sia la religione interessata.
Serve protestare ma per migliorare questo sistema burocratico/amministrativo vero anello debole di questa storia!!!
Le altre polemiche sono solo finalizzate ad attrarre visibilità su personaggi politici di poco spessore capaci di dedicarsi solo a questioni secondarie come questa, come i cinghiali o a investire 100 euro del loro lauto stipendio per pagare in modo simbolico alcune soste nei parcheggi ospedalieri mentre magari anche sulla sanità ci sono questioni ben più importanti ma che necessitano di lavoro, anche poco visibile e competenza... ognuno fa quel che può... anche con stipendi da Consigliere Regionale e noi, umili cittadini che li paghiamo, dobbiamo avere carità cristiana e perdonare perché, forse, non sanno proprio quello che dicono... spero...


Posta un commento