Condividi

mercoledì 6 gennaio 2016

Baldini: Del Ghingaro porta a Torre del Lago prima i pachistani e dopo il forno crematorio


Comunicato stampa Avv. Massimiliano Baldini

Se dovessimo liquidare "l'ultima" dell'Amministrazione Del Ghingaro con un semplice battuta, verrebbe da dire che mentre a Viareggio si è cominciato dalla fontana di Piazza Mazzini per Torre del Lago si è pensato opportuno, adeguato ed urgente mandarci i pachistani ed il forno crematorio !
Il tema è ovviamente più ampio e complesso perchè coinvolge non solo gli aspetti legati alla salute, e quindi all'ubicazione della struttura, ma anche questioni di natura economica, tenuto conto che tante persone apprezzano la cremazione e, probabilmente, eviterebbero volentieri di dover andare a Livorno, mentre i loculi sono semivuoti.
Tuttavia, argomenti di questo tipo, debbono essere oggetto di profonda riflessione sia nelle sedi istituzionali che fra la gente e non possono essere oggetto di decisione repentine e muscolari e, tantomeno, della solita comunicazione selvaggia a sfondo elettoralistico !
Intanto, ripeto, è sbagliato e superficiale, buttare l'argomento sulla stampa in questo modo. Puzza di campagna elettorale !
Vi sono le sedi preposte dove iniziare una discussione, le Commissioni Consiliari appunto, e sviscerarla proponendola ai rappresentanti eletti dai cittadini, discutendone i diversi aspetti e le svariate problematiche.
Una volta individuate differenti soluzioni, a cominciare dal luogo opportuno dove fare il forno crematorio che mi pare fondamentale, e stabilite le conseguenti normative regolamentari possibili, è importante sottoporle alla cittadinanza per capire cosa ne pensa.
Infatti, visto che proprio in questi giorni la Commissione Statuto ha approvato all'unanimità il regolamento referendario, pronto per essere votato già dal Consiglio del 18 gennaio prossimo, l'argomento sarebbe senz'altro adatto ad un referendum consultivo (o abrogativo se dovesse essere fatto un atto di forza) fra la popolazione.
Ma siccome - visto che Del Ghingaro è andato in Circoscrizione a Torre del Lago ma si è ben guardato dal parlarne ai torrelaghesi - di questi amministratori "di fuori" non c'è da fidarsi, fa bene chi organizza i comitati perchè "sic pacem para bellum" !
Personalmente, parteciperò a tutte le Commissioni Consiliari che discuteranno dell'argomento e organizzerò, insieme agli alleati ed a tutti coloro che lo condivideranno, più incontri pubblici con la cittadinanza per capire cosa pensa e cosa vuole la nostra comunità.
Ma, ripeto, l'argomento potrebbe essere oggetto del primo referendum consultivo della città in forza del nuovissimo regolamento che mi auguro il Consiglio Comunale approvi già il prossimo 18 gennaio.

Avv. Massimiliano Baldini
Capogruppo
Movimento dei Cittadini per
Viareggio e Torre del Lago Puccini





Posta un commento