Condividi

mercoledì 2 dicembre 2015

Lucca: arriva il divieto di consumo di alcolici nei parchi pubblici... finalmente dico io!



Il vicesindaco Ilaria Vietina ha firmato un'ordinanza che vieta il consumo di bevande alcoliche all’interno delle aree attrezzate a verde pubblico e nei parchi gioco del territorio comunale.


La scelta dell'amministrazione comunale è nata sulla base di segnalazioni e di richieste di intervento da parte di cittadini che a più riprese hanno lamentato all’interno di diversi parchi pubblici, frequentati anche da anziani e bambini, la presenza di persone in stato di ubriachezza. Negli stessi luoghi sono stati inoltre rinvenuti contenitori di latta e bottiglie di vetro che, oltre a costituire sporcizia e a degradare quindi questi luoghi, rappresentano anche un elemento di pericolo per la sicurezza, sia perché possono essere rotti in maniera accidentale, sia perché possono costituire strumenti impropri per ledere e danneggiare.

Per questo motivo dunque, in attesa di poter modificare in senso più restrittivo il regolamento che disciplina l’utilizzo dei parchi gioco, l’amministrazione comunale ha emesso questa specifica ordinanza che fino al 31 marzo prossimo vieta non solo l’abuso (come da regolamento), ma anche il semplice utilizzo di bevande alcoliche in tutti quei parchi e aree verdi attrezzate che costituiscono luogo di ritrovo e di svago per le famiglie, i bambini e le persone anziane. 
Questi i parchi dove entra in vigore il divieto: Catro  (S. Maria del Giudice); S. Maria a Colle (via di Fregionaia); Ponte a Moriano (Parco Fluviale); S. Vito (via delle Pierone); Piazzale S. Donato; S.Anna (via De Gasperi); S. Anna (via Don Minzoni); S. Lorenzo a Vaccoli (via di Vaccoli dietro alla scuola elementare); S. Marco (via Salicchi); S. Vito (scuola elementare via Giorgini); S. Maria del Giudice (via Vecchia per Pisa); Parco Valgimigli; via Bacchettoni (dietro isola ecologica); Giardino degli Osservanti (via Bacchettoni); S. Filippo (via di S. Filippo); Percorso Vita a Mutigliano; S. Anna (via Togliatti); S. Concordio (via Nottolini “Gli Orti”); S. Concordio (via della Formica).
I trasgressori dell’ordinanza saranno puniti ai sensi dell’articolo 650 del codice penale. Rimane escluso dall’ordinanza il complesso delle Mura urbane e, aggiungo io, non si capisce bene il perché visto che solo alcune parti della cinta muraria sono interessate da locali pubblici a cui, ovviamente, non si può vietare di vendere alcolici.


Posta un commento