Condividi

venerdì 6 novembre 2015

Referendum abrogativo sulla riforma della sanità toscana: dico la mia...


Nella primavera di quest'anno noi cittadini toscani abbiamo "subito" una riforma della sanità targata PD figlia dei tagli alla sanità arrivati dal Governo nazionale targato ancora PD... La volontà politica quindi non può nemmeno essere discussa visto che il filo conduttore istituzionale era ed è monocromatico.
Nella sostanza la Regione Toscana attraverso la riforma ha messo in atto una serie infinita e, in parte, poco comprensibile ai non addetti ai lavori di ristrutturazioni e tagli del modello assistenziale.
Alcuni, io sono tra questi, ritengono che non si sia tagliato in certe "situazioni" degne di maggior parsimonia come le strutture universitarie o similari rimaste indipendenti; ad esempio non si capisce perché ci siano 5 ASL che si uniscono ma a Pisa sopravvivano indipendenti altri due enti che potevano almeno essere accorpati tra loro (Azienda Ospedaliera universitaria e Fondazione Monasterio) in virtù del fatto che se si deve tagliare sulle strutture dirigenziali allora si deve tagliare su tutte non solo su alcune... Idem per Firenze dove "resistono" Azienda Ospedaliera universitaria e  Ospedale Meyer indipendenti dalla ASL territoriale.
Si procede inoltre con tagli del personale e variazione dei servizi erogati ma quello che mi sono chiesto sin dall'inizio è una cosa diversa... 
Il problema è la legge regionale 28/2015 o le leggi nazionali (legge finanziaria, DM ministero della salute 70/2015, ecc)?
Io credo che, purtroppo, questa sacrosanta battaglia per il nostro diritto alla salute abbia puntato il dito nella direzione sbagliata...
Mi spiego meglio... Ipotizziamo che si vada a votare per questo referendum, che si raggiunga il quorum e che vinca il "SI" ovvero si vada ad abrogare la legge regionale 28/2015... cosa succederà?
Accadrà che la Regione Toscana dovrà scrivere una nuova legge regionale che rispetti le leggi nazionali che, rimarranno le stesse!!!
Cosa cambierà? ben poco se non in aspetti formali e di poca reale sostanza perché le leggi e i DM nazionali sono chiari e vanno rispettati e la coperta, che è corta anzi cortissima, se la tiri da una parte manca dall'altra...
Cosa accadrà se non si raggiunge il quorum? effetto boomerang ovvero da un'iniziativa che va contro il Governatore Rossi e la sua Giunta si avrà un effetto pratico di rafforzamento delle giunta grazie all'avvallo di un referendum bocciato nelle urne grazie all'astensione...
Io tremo... non solo per questo ma soprattutto per l'idiozia di chi questo referendum l'ha voluto e sostenuto dall'inizio in maniera molto forte credendo che fosse un mezzo utile per i cittadini... miopia politica allo stato puro...


Posta un commento