Condividi

sabato 5 dicembre 2015

la cena di Natale... fu galeotta: tradimenti a go-go durante le cene aziendali pre-natalizie


A volte capita di sentire storie riguardanti tradimenti "consumati"  a margine di cene aziendali ma a quanto pare queste storie trovano fondamento nella realtà.
Arrivano dal Regno Unito i risultati di una ricerca da cui emergerebbe che le cene aziendali pre natalizie non servono solo a scambiarsi auguri e regali ma anche come occasione per trovare amanti occasionali.
Che sia lo spirito "leggero" di queste cene a dispetto, magari, di un ambiente di lavoro serioso e opprimente o magari qualche bicchiere di troppo capace di far cadere barriere inibitorie solitamente ben presenti, fatto sta che la cena aziendale pre-natalizia tende a far diventare fedifraghi entrambi i partner.
Ben il 40% degli inetervistati ha ammesso infatti di aver fatto sesso con un collega durante tali eventi aziendali, il 50% ha ammesso di aver almeno baciato un collega e il 25% ha dichiarato di essersi ubriacato.
Analizzando più a fondo si scopre che un quarto dei fedifraghi predilige il parcheggio dell'azienda per consumare il tradimento, il 21% la sala del CDA, il 18% il ripostiglio che precede la stanza del direttore (16%) e la propria scrivania con un "misero" 15% di preferenze.
Ma quali sono le professioni più a rischio di tradire durante le cene d'ufficio natalizie?
In testa, forse a sorpresa, gli informatici che nel 76% dei casi ammettono di essersi lasciati andare durante le cene aziendali, seguono a ruota gli avvocati (74%), risorse umane, dei trasporti e della logistica a parimerito col 72% per passare poi agli addetti dell'area finanza (68%) e del marketing (61%) passando per il settore della salute (52%) per chiudere con i più fedeli, almeno in queste occasioni, ovvero gli addetto del comparto scuola (45%).
La cena fu galeotta mi viene da commentare... o forse, semplicemente, si tratta di un'occasione "utile" a concretizzare sguardi, battute e ammiccamenti che nei corridoio aziendali non sempre trovano libero sfogo...




 
Posta un commento